mod_eprivacy
20 - 05 - 2019

La leggenda di Pippa la catanese

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

 

pippa la catanese


Popolana e lavandaia d'origine catanese, visse a cavallo tra il XIII e il XIV secolo. Il suo vero nome era Filippa. Giovanissima, diventa nutrice di Luigi, figlio di Roberto d'Angiò e Violante d'Aragona. Allorché gli Angioini furono cacciati dalla Sicilia e ritornarono a Napoli, Pippa seguì la Corte. Nel 1343 sul trono salì Giovanna I d'Angiò che aveva sposato il principe Andrea d'Ungheria che volle essere consacrato re di Napoli. I numerosi dissidenti facevano affidamento sull'antipatia che la sovrana, innamorata del cugino Luigi duca di Taranto, nutriva per il marito contro il quale fu ordita una congiura; in effetti, Andrea fu strangolato. Il Papa, supremo signore feudale sul Regno di Napoli, cominciò la caccia dei congiurati; la prima ad essere indiziata fu Pippa che era diventata confidente della Regina. L'ex lavandaia fu atrocemente torturata, per farle confessare quanto sapeva e la donna disse solo di sapere della congiura ma di non avervi partecipato. Coloro che avevano assassinato Andrea restarono impuniti.

 

condividi questo articolo

Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.