mod_eprivacy
21 - 11 - 2017

Rocca di castel d'Arquato

Valutazione attuale:  / 0

È abbastanza rovinata esternamente, ma sia il torrione che la piazza del paese antistante l'edificio sono conservati molto bene, inoltre la rocca è visitata quotidianamente da scolaresche e gruppi turistici. Per le visite di gruppo forniscono una guida ed è obbligatorio prenotare in anticipo.

All'interno del torrione alto circa 50 metri si trovano diverse stanze, tutte ristrutturate per i turisti e che hanno la funzione di spiegare la storia della fortezza con video dimostrativi e gallerie fotografiche. Molti documenti esposti sono scritti in latino e poi tradotti per le spiegazioni...

Leggi tutto: Rocca di castel d'Arquato

I misteri di Torino

Valutazione attuale:  / 0

Torino è considerata la città misteriosa per eccellenza. Punto di incrocio di linee energetiche negative e positive, secondo una leggenda, sarebbe stata fondata nel 1.500 a.C. addirittura dagli Egizi. I rapporti della città con l'Egitto sono molto intensi, non per niente Torino ospita il museo egizio più importante d'Europa, secondo soltanto a quello del Cairo. Torino, nell'antichità, ospito tra l'altro, importanti personaggi, come Nostradamus, Cagliostro, Saint-Germain, Fulcanelli e Paracelso. Fin dal '500 fu il luogo d'incontro di tutti gli alchimisti d'Europa, a causa della presunta presenza sotto il Palazzo Reale delle Grotte Alchemiche, luogo propizio naturale per gli esperimenti alchemici. Ho detto "presunta" perché la loro realtà non è stata ancora accertata. Tempo fa, durante i lavori della metropolitana, ci furono dei problemi e i progettisti, per ragioni a noi ignote, dovettero...

Leggi tutto: I misteri di Torino

Il mistero delle isole Auroras

Valutazione attuale:  / 0

(Articolo pubblicato sul numero 3, del 2004 , anno LIX, de "Il Polo", rivista dell'Istituto Geografico Polare fondata da Silvio Zavatti).
LA SCOPERTA.-
Una giornata imprecisata del 1762 il veliero spagnolo Aurora , erede dei gloriosi galeoni che nei secoli sedicesimo e diciassettesimo solcavano i mari, assicurando i collegamenti fra la Penisola Iberica e il suo Impero coloniale "sul quale il Sole non tramonta mai", si sta inoltrando sempre più nelle inquietanti solitudini dell'Atlantico meridionale.
Trascinato dalla furia della tempetsa, naviga completamente fuori rotta, qualcosa come 2.000 chilometri a est delle Falkland (1), in un tratto di mare pressochè inesplorato. Gl'implacabili venti di ponente, che a quelle latitudini non hanno mai sosta, hanno afferrato...

Leggi tutto: Il mistero delle isole Auroras

Castello di Gropparello

Valutazione attuale:  / 0

Un po’ di storia: Il nome Gropparello ha la propria derivazione dal termine celtico “Grop” che indica un ostacolo naturale, di tipo roccioso: il castello, infatti, sorge in cima ad uno sperone roccioso, su uno strapiombo che domina il torrente Vezzeno, formando un orrido di circa 85 metri di altezza, rendendo il castello praticamente inespugnabile nei secoli.

Il castello è stato edificato sulla sede di un castrum romano, posto a difesa della via per Velleia, nel 808 Carlo Magno assegna la giurisdizione sui terreni posti fra il Chero, il Riglio e il Vezzeno al vescovo Giuliano II di Piacenza. Fu al centro di una controversia tra il Capitolo della Cattedrale e la Mensa Vescovile e nel 840 fu assegnato a quest'ultima da Seufredo II allora vescovo di Piacenza.
Nel medioevo il castello è terreno di scontro tra Guelfi e Ghibellini, rappresentando l'unica...

Leggi tutto: Castello di Gropparello

Castello di Lagopesole

Valutazione attuale:  / 0

castello di lagopesole

Un po’ di storia: Il castello fu dimora ideale di Manfredi, figlio di Federico II, che privilegiò Lagopesole alla capitale del suo regno, Palermo. Lo stato presente del castello, restaurato negli anni novanta, riflette le modifiche apportate al progetto normanno-svevo da Carlo I d'Angiò, che utilizzò il castello soprattutto come prigione di lusso (vi rinchiuse fino alla morte Elena Angelo Comneno di Epiro, moglie di Manfredi, e i suoi figli). Nell'Ottocento il castello fu rifugio dei briganti capeggiati da Carmine Crocco, che il 7 aprile 1861 lo occupò con 400 uomini. Il castello, oggi proprietà demaniale e sede del Corpo Forestale dello Stato, ospita numerose attività culturali e dal 2000 accoglie l'Antiquarium realizzato con i materiali medievali rinvenuti durante le campagne di scavo effettuate nel cortile minore.

Il castello, a pianta rettangolare, presenta due cortili: il minore, di epoca altonormanna

Leggi tutto: Castello di Lagopesole

Castello di Monselice & Villa Foscari

Valutazione attuale:  / 0

 

Un po’ di storia: Il Castello di Monselice è un complesso di edifici composto di quattro nuclei principali, edificati e ristrutturati tra l'undicesimo e il sedicesimo secolo. La parte più antica, sulla destra entrando dal portone nella Corte Grande, è il Castelletto, con l'annessa Casa Romanica, edificati tra l'XI e il XII secolo. Sulla sinistra sorge la massiccia sagoma della Torre di Ezzelino, del XIII secolo. Al centro, come nucleo di collegamento fra i due edifici esistenti, viene realizzato nel XV secolo il Palazzo Marcello.
Infine la Biblioteca del Castello, che sorge sull'ampia spianata antistante la Torre di Ezzelino, ricavata in un edificio preesistente alla fine del XVI secolo. La torre è costruita da Ezzelino da Romano nel XIII secolo, nell'ambito di un potenziamento militare-difensivo della seconda cerchia di mura della città. All'inizio del XIV secolo, quando la città viene...

Leggi tutto: Castello di Monselice & Villa Foscari

Castello di Fosdinovo

Valutazione attuale:  / 0

castello di fosdinovo

 

Un po’ di storia: Il Castello Malaspina di Fosdinovo, feudo di uno dei rami dei Malaspina del Ramo Fiorito dal XIV al XVIII secolo, riveste una notevole importanza oltre che storica, anche, e soprattutto, architettonica. La costruzione dell’imponente fortezza, che si fonde incredibilmente con la roccia arenaria tanto da farla sembrare scolpita nella pietra viva, ebbe inizio nella seconda metà del XII secolo, anche se si parla del Castrum Fosdinovense già in documento di Lucca del 1084. Innalzata a dominio e difesa del primitivo Castro di Fosdinovo, nel 1340 venne ufficialmente ceduta dai Nobili di Fosdinovo a Spinetta Malaspina(morto nel 1352) . Egli creò così il marchesato di Fosdinovo risiedendo nel Castello che il nipote Galeotto (morto nel 1367) in seguito ingrandirà e abbellirà. Nel ‘500, grazie all’opera di Gabriele e poi di Lorenzo Malaspina, il Castello acquistò l’aspetto e la...

Leggi tutto: Castello di Fosdinovo

Chiesa di San Matteo a Genova

Valutazione attuale:  / 0

Un po’ di storia: La chiesa di San Matteo fu fondata nel 1125 da Martino Doria come chiesa gentilizia della propria famiglia e completamente modificata in forme gotiche nel 1278. Si affaccia sull'omonima piazza, che rappresenta forse l'angolo meglio conservato della Genova medioevale.
L'edificio fu rinnovato a metà del XVI secolo per volere di Andrea Doria da Giovanni Angelo Montorsoli (presbiterio e cupola); e poi nel 1557-1559 su progetto di Giovanni Battista Castello (navate e decorazione, realizzata insieme a Luca Cambiaso).
Della sistemazione gotica si è conservato l'interno a tre navate e, soprattutto, l'intatta facciata a strisce bianche (marmo) e nere (ardesia), tripartita da lesene incorniciate da archetti; il paramento bicromo è arricchito da un grande rosone centrale e da due bifore...

Leggi tutto: Chiesa di San Matteo a Genova

Castello di Oramala

Valutazione attuale:  / 0

Un po’ di storia: Venne costruito nel X secolo dalla famiglia Malaspina, nel 1029 possesso del ramo Obertengo. Dopo un passaggio, nel 1157, nelle mani dei marchesi D’Este e nel 1161 del vescovo di Tortona, ritorna, nel 1164, grazie a Federico Barbarossa ad Obizzo I.
Verso la fine del XII secolo, con le fortune dei Malaspina, vede il momento di maggior splendore, diviene centro di diffusione culturale ospitando trovatori provenzali.
Nel 1474 la rocca viene fortificata da Manfredi Malaspina, per adeguarla alle nuove esigenze difensive dovute alll'entrata in uso dell’artiglieria. Fuori dai flussi della storia il fortilizio rimane alla famiglia Malaspina sino alla fine del XVIII secolo, quando i marchesi di Oramala, trasferendosi a valle, ne decretano il declino; abbandonato, cominciò ad andare in rovina.
Nel 1985 gli attuali proprietari, i fratelli Panigazzi, iniziano la ristrutturazione e il ripristino...

Leggi tutto: Castello di Oramala

Orto botanico di Lucca

Valutazione attuale:  / 0

orto botanico di lucca

Un po’ di storia: L'Orto Botanico, sorto nel 1820 per opera di Maria Luisa di Borbone-Spagna, era considerato tra le strutture collaterali della Regia Università di Lucca e realizzato insieme ad un Laboratorio di Fisica e un Osservatorio Astronomico tuttora esistenti.

La prima immagine del giardino ottocentesco è rappresentata nella carta del Sinibaldi (1843) in cui si riconosce l'organizzazione delle "aree formali" oggi identificabili nelle zone denominate l'Arboreto, la Montagnola e il Laghetto, realizzato solo dopo il 1860. Mentre la Montagnola, che ospita oggi numerose specie vegetali delle montagne lucchesi, ha mantenuto il suo caratteristico disegno a spirale, l'Arboreto ha perso lo schema geometrico originario dei suoi parterre...

Leggi tutto: Orto botanico di Lucca

La foresta incantata del Kurshskaia Kosà

Valutazione attuale:  / 0


In un parco naturale al confine tra l'enclave russa di Kaliningrad e la Lituania, c'è un angolo di bosco che lascerebbe a bocca aperta anche Fox Mulder, l'eroe dei telefilm X-Files: i pini crescono in forme strane e bizzarre. I tronchi girano a spirale, vanno su a zig-zag oppure strisciano come serpenti. Ce n'è persino uno fatto a trono e un altro che assomiglia a un antico strumento musicale, la lira. Il parco si chiama Kurshskaia Kosà, sorge sulla costa del Mar Baltico e il suo direttore - Aleksandr Fomiciov - racconta di aver scoperto per caso «il fenomeno» qualche settimana fa andando per funghi: «Sono rimasto impietrito», confida al settimanale russo Itoghi che sull'ultimo numero dedica un ampio reportage alla «foresta incantata» dove nemmeno gli uccelli si azzardano a cinguettare e regna dunque un inquietante, assoluto silenzio. II ritrovamento dell'enigmatica pineta, che dà l'impressione di...

Leggi tutto: La foresta incantata del Kurshskaia Kosà

Login Form

forse t'interessa anche.....
cerca
Anime e manga streaming
l'angolo del folle