mod_eprivacy
24 - 03 - 2019

Il mistero delle isole Auroras

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

 

(Articolo pubblicato sul numero 3, del 2004 , anno LIX, de "Il Polo", rivista dell'Istituto Geografico Polare fondata da Silvio Zavatti).
LA SCOPERTA.-
Una giornata imprecisata del 1762 il veliero spagnolo Aurora , erede dei gloriosi galeoni che nei secoli sedicesimo e diciassettesimo solcavano i mari, assicurando i collegamenti fra la Penisola Iberica e il suo Impero coloniale "sul quale il Sole non tramonta mai", si sta inoltrando sempre più nelle inquietanti solitudini dell'Atlantico meridionale.
Trascinato dalla furia della tempetsa, naviga completamente fuori rotta, qualcosa come 2.000 chilometri a est delle Falkland (1), in un tratto di mare pressochè inesplorato. Gl'implacabili venti di ponente, che a quelle latitudini non hanno mai sosta, hanno afferrato le pur ridotte velature, lacerandole, e hanno sospinto la nave oltre i "quaranta ruggenti", sin nel cuore dei "cinquanta urlanti": una cintura di acque perennemente burrascose, con onde alte fino a 10 metri e anche più, e con raffiche di pioggia gelata mista a nevischio e ghiaccio che corre lungo il 50° parallelo Sud. Mentre gli alberi scricchiolano sotto l'assalto del vento e lo scafo rolla e beccheggia fra i cavalloni come un guscio di noce, il sartiame a brandelli, il timoniere e le vedette si sforzano di penetrare con gli sguardi entro i banchi insidiosi di nebbia che celano il mortale pericolo degli icebergs, gli enormi blocchi di ghiaccio galleggianti, che le correnti hanno strappato dalla ciclopica fronte della banchisa antartica. Ma ecco che d'improvviso, come suole accadere in quei mari strani e remoti, uno squarcio inatteso fra le nubi annuncia una effimera tregua degli elementi: la violenza del vento si attenua, le onde smorzano la loro furia e un vasto lembo di cielo azzurro si apre come un sipario, profondo e terso come nessun pittore saprebbe raffigurarlo sulla tela, rivelando un'ampiezza di orizzonte incomparabile. Il comadante e l'equipaggio, stremati dalla fatica, dal freddo e dallo scorbuto, guardano sbalorditi quel prodigio di luce, mentre la Natura stessa sembra trattenere il fiato, come in attesa di un'arcana rivelazione. Perché laggiù, dove cielo e mare sembrano confondersi in un abbraccio indistinto, è apparsa - visione emozionante quant'altre mai - una terra, una terra sconosciuta e che nessuno si aspettava di avvistare.
Superato lo stupore iniziale, gli uomini hanno modo di notare che non si tratta di un'unica terra, ma di un gruppo di isole, che il capitano decide di battezzare prontamente col nome della propria nave: las Auroras Nessun atlante nautico, infatti, le riporta; nessun navigatore le aveva mai segnalate (2). Non vi è tempo, del resto, di rilevarne adeguatamente la posizione, né tanto meno di accostare per tentare uno sbarco. Il mare incollerito, geloso dei suoi segreti, si sta mettendo nuovamente al brutto: troppo rischioso avvicinarsi a riva per cercare un ancoraggio, non parliamo poi di calare una scialuppa. E come se non bastasse l'inclemenza degli elementi, vi è sempre il pericolo di fare qualche brutto incontro: la Spagna di Carlo III di Borbone (1759-88), despota illuminato, è in stato di guerra con la Gran Bretagna del re Giorgio III di Hannover (1760-1815), il cui ministro William Pitt il Vecchio, pur costretto alle dimissioni, ha acceso nei suoi compatrioti una intransigente volontà di supremazia marittima e coloniale sul blocco franco-spagnolo. (3) Sarebbe oltremodo spiacevole rischiare un duello con qualche corvetta di Sua Maestà britannica e sfidare il destino in un confronto coi cannoni inglesi, dopo essere sfuggiti con tanta pena alla morsa dei procellosi mari antartici. Nessuno, quindi, a bordo dell'Aurora, desidera minimamente trattenersi in quelle acque un minuto in più dello stretto necessario: e volta la prua in direzione di latitudini meno inclementi, ben presto le misteriose isole scompaiono alla vista come un miraggio, inghiottite dall'orizzonte marino.
IL CONTESTO STORICO.-

Non era quello il primo avvistamento di terre sconosciute nelle vastità oceaniche dell'emisfero Sud, anzi era l'ultimo anello di una lunga catena di scoperte (e talvolta di successive scomparse) che avevano caratterizzato la ricerca affannosa e instancabile del misterioso continente australe che, si diceva, doveva esistere per fare da contrappeso alla massa dei continenti boreali: Terra Australis Incognita, o meglio, come riportavano ottimisticamente i cartografi del tempo: Terra Australis Necdum Cognita, ossia Terra Australe non ancora conosciuta, ma destinata ad esserlo, presto o tardi. (4) Tutto era cominciato nel 1520, quando Ferdinando Magellano, attraversando lo Stretto che porta tuttora il suo nome alla ricerca del Mare del Sud, ossia l'Oceano Pacifico ( intravisto la prima volta da Vasco Nuñez de Balboa nel 1513, dall'alto di una collina del Darién) (5), aveva osservato sulla sua sinistra, durante quei trentotto giorni di navigazione tra monti innevati che spingevano sino al mare le fronti dei loro ghiacciai, una terra misteriosa, ove la notte brillavano i fuochi degli accampamenti indigeni, e l'aveva chiamata Tierra de los Fuegos, Terra dei Fuochi (più tardi, del Fuoco).(6) Era quella, senza dubbio, la propaggine settentrionale del mitico continente australe, la cui esistenza era stata ipotizzata da scienziati, filosofi e cartografi dall'epoca del grande astronomo e geografo Tolomeo (II sec. d. C.) in avanti. (7). Poi, nel 1577, in pieno inverno australe (cioè nell'agosto), il corsaro inglese Francis Drake aveva ripetuto l'impresa con una flotta di cinque navi, che però, all'uscita dello Stretto di Magellano, era stata dispersa dalle furiose tempeste; l'ammiraglia era stata respinta verso sud, nello Stretto che oggi porta il suo nome, e ciò era valso, sia pure involontariamente, a dimostrare la natura insulare della Terra del Fuoco. (8) Se tuttavia quest'ultima non poteva più, evidentemente, esser considerata come facente parte della Terra Australe, in compenso Drake aveva potuto scorgere, nell'infuriare della tempesta, un'altra terra ancor più meridionale, che ben poteva, e in un certo senso doveva, esserne l'estremità settentrionale. (9) Che poi un continente posto a mezzogiorno del Capo Horn, cioè del 55° parallelo Sud, sarebbe stato - per motivi climatici - ben poco ospitale ed attraente, poco importava; la fantasia suppliva alle carenze della logica, visto che ancora nel XVII secolo gli artisti europei raffiguravano appunto l'Isola di Horn, la più australe della Terra del Fuoco, come coperta da una ricca vegetazione e abitata da indigeni dall'aspetto abbastanza evoluto, mentre un semplice ragionamento avrebbe dovuto suggerire ch'essa doveva essere, come in realtà è, totalmente brulla e disabitata. (10) Non aveva forse rappresentato il celebre geografo francese Oronteus Finaeus, nel suo mappamondo del 1531, la Terra Australis come un'enorme massa continentale, attraversata da catene di montagne e percorsa da grandi fiumi, che nel Pacifico e nell'Oceano Indiano raggiungeva le latitudini temperate, e sfiorava, addirittura, quelle con clima sub-tropicale? (11) Non aveva fatto la stessa cosa il cartografo fiammingo Abramo Ortelio nel suo mappamondo del 1564, in cui il continente meridionale giungeva quasi a lambire l'Equatore, non lungi dalle Isole della Sonda? (12) E non era forse partito, il navigatore spagnolo Alvaro Mendana de Neira, per ben due volte, nel 1567 e nel 1595, dal Perù alla volta della favolosa Terra Australe e delle sue inesauribili ricchezze, lasciando infine la vita in una delle Isole Santa Cruz, ch'egli credette appunto essere una parte di quel continente.? (13) Oggi si pensa che quel che vide, o intravvide, il Drake, peraltro con pessime condizioni di visibilità, probabilmente non erano altro che le Isole Diego Ramìrez, un minuscolo arcipelago sperduto poco a sud di Capo Horn (14); ma allora ogni notizia di avvistamento di terre, sia pure incerta e confusa, in quei mari meridionali, veniva interpretata come un altro tassello del mosaico formante la Terra Australis Incognita. Un filosofo, infatti, direbbe che gli uomini non credono in ciò che vedono, ma in ciò che vogliono vedere, in ciò che meglio serve a mantenere in vita i loro desideri più segreti, siano pur essi delle chimere.E come biasimarli? Scrive René Thévenin: "I paesi leggendari… Li abbiamo scorti all'inizio della civiltà. Li ritroviamo all'apogeo della nostra. Come possiamo credere che non dureranno tanto quanto l'uomo, poiché è in noi stessi che vivono?" (15)
Così, ad esempio, quando il navigatore francese Bouvet de Lozier, al servizio della Compagnia delle Indie, nel 1738 scoprì, molto a sud del Capo di Buona Speranza, una terra ghiacciata e desolata cui dette il suo nome e che poi fu, per quasi due secoli, più volte perduta e ritrovata, simile in questo a un fantasma del mare), si affrettò a riferirne in patria in termini entusiastici e, benchè non vi fosse nemmeno sbarcato, si disse certo delle sue potenzialità economiche. Ne seguì una penosa vicenda di polemiche ed accuse, da cui la sua credibilità era uscita gravemente compromessa: e tuttavia un altro tassello della Terra Australis era stato scoperto ed aggiunto ai precedenti - almeno per quanti non volevano arrendersi a veder svanire una leggenda così suggestiva. (16) Ma ormai l'epoca dei Lumi batteva alle porte: l'arte della navigazione era divenuta una scienza esigente e sempre più rigorosa: James Cook, coi suoi tre memorabili viaggi alle latitudinmi australi, s'incaricò di sfatarla una volta per sempre, fra il 1768 e il 1769, l'anno della sua tragica morte alle Isole Hawaii.(17)
Un mito, peraltro, non può svanire di colpo: poiché affonda le sue radici, come un albero millenario, nelle profondità dell'inconscio collettivo, esso tramonta poco a poco, mandando qualche ultimo bagliore prima di eclissarsi. Fu così che, fra la seconda metà del XVIII secolo e la prima metà del XI, continuarono a moltiplicarsi gli avvistamenti di terre, di isole e arcipelaghi misteriosi, quasi estremi lembi smarriti del grandioso, perduto continente. Tale fu il caso delle isole Emerald, Nimrod e Dougherty nell'Oceano Pacifico (18); tale fu, appunto, il caso delle Isole Auroras.
LA CONFERMA.-
L'avvistamento delle Auroras, segnalato alla Società Idrografica di Madrid, non ebbe più seguito per una trentina d'anni. Ma nel 1790 il destino volle che un'altra nave battente bandiera di Sua Maestà Cattolica (questa volta, si trattava di Carlo IV di Borbone) si trovasse ad incrociare in quelle acque remote, e avvistasse a sua volta le isole. Si trattava della Princess, appartenente alla Reale Compagnia delle Filippine, ed era al comando di Manuel de Oyarvido, un uomo di mare più scrupoloso, o forse più fortunato, del suo predecessore. Infatti, sebbene neanche lui si sentisse in grado di accostare per tentare uno sbarco, condizione allora necessaria (anche se non di per sè sufficiente) per una rivendicazione ufficiale di sovranità presso le cancellerie internazionali, prima di abbandonare quelle acque si preoccupò di rilevare accuratamente la posizione delle Auroras, trascrivendo poi le sue osservazioni sul giornale di bordo. Rientrato al Callao, sulla costa peruviana, de Oyarvido si recò a Lima e sottopose il proprio giornale di bordo alle autorità competenti della locale sezione della Società Idrografica di Madrid, mostrando che la Marina spagnola stava uscendo (proprio al suo tramonto!) da un certo qual clima di approssimazione, per mettersi al pari con lo spirito scientifico delle altre grandi marine europee, l'inglese e la francese (che produssero infatti, in quegli anni, due giganti della statura di Cook e di Bougainville). (19) Il materiale fornito dal capitano della Princess venne incluso in una scrupolosa relazione che reca la data del 1809 e che fornì la base per una ricognizione dell'arcipelago varata appositamente, quattro anni dopo, col preciso scopo di cartografarlo e verificarne le condizioni di approdo e di eventuale abitabilità e sfruttamento economico. (20) Bisogna anche dire che la Spagna, all'epoca, conscia della sua debolezza quale potenza navale e della precarietà del suo stesso Impero coloniale (il cui fulcro, il Vicereame del Perù, era stato squassato dalla pericolosissima rivolta indiana guidata da Tupac Amaru, solo pochi anni prima) (21), era sempre assai cauta, per non dire riluttante, a divulgare le proprie scoperte marittime e si mostrava quanto mai gelosa di ogni informazione geografica che, venuta in mano delle potenze sue rivali, effettive o potenziali, avrebbe potuto esser da quelle utilizzata in danno delle sue prerogative e delle sue aspirazioni, che erano assai più ambiziose delle sue reali possibilità politico-militari. (22)
Giungiamo così al 1794: in Europa infuria la Rivoluzione francese, anche se il governo giacobino si avvia, col colpo di Stato del Termidoro, alla sua drammatica caduta, per esser sostituito dal Direttorio d'ispirazione borghese e moderata (almeno in politica economica e sociale). La corvetta Atrevida, sempre della Compagnia Reale delle Filippine, salpa espressamente alla volta delle Auroras, al comado del capitano J. De Bustamente. Questi mostra di essere un uomo abile e competente, all'altezza del compito affidatogli: certo, possiede il vantaggio inestimabile - rispetto ai suoi predecessori - di non esser capitato in quei paraggi per un semplice caso. Ecco quanto scrive egli stesso nella propria relazione, dopo essere giunto, con l'Atrevida, in vista delle isole, che si trovavano proprio là ove de Oyarvido le aveva indicate: "Eseguimmo tutti i rilevamenti necessari e misurammo con i cronometri la differenza di longitudine tra queste isole e il porto di Soledad nelle Malvine. Le isole sono tre: si trovano molto vicine e sullo stesso meridiano; il centro di una di esse è piuttosto basso e le altre due possono scorgersi a nove leghe di distanza." (23)
Riportiamo qui di seguito le coordinate geografiche fornite da Bustamente:

Isola settentrionale: 52° 37' 24" latitudine Sud; e 47° 43' 15" longitudine Ovest;
Isola centrale: 53° 02' 40" latitudine Sud; e 47° 55' 15" longitudine Ovest;
Isola meridionale: 53° 15' 22" latitudine Sud; e 47° 57' 15" longitudine Ovest.

Nessun cenno di entusiasmo trapela dalle parole con cui il comandante spagnolo si esprime nella sua relazione, peraltro accurata e scrupolosa. Se egli si preoccupa di dare un nome proprio alle "sue" isole (o almeno a due di esse), non si può dire che si sia lambiccato molto il cervello per sforzare la propria fantasia: chiama "Isola Nuova" quella più settentrionale, "Isola Bassa" quella centrale e rinuncia a trovare una denominazione per la terza, che rimane, banalmente, una semplice "Isola Meridionale".(24) Egli descrive le Auroras (a dispetto del loro nome poetico e un po' sognante) come interamente fredde e scure, parzialmente ricoperte di neve e per giunta esposte ai gelidi venti occidentali. (25) Non è certo difficile, leggendo la relazione del buon Bustamente, né particolarmente malizioso ricavarne l'impressione che lui, il suo pilota e i suoi ufficiali non avessero alcun desiderio di prolungare la sosta in quelle acque più dello strettissimo necessario, tanto è vero che nemmeno questa volta fu presa in considerazione l'opportunità di uno sbarco. Eppure le condizioni del mare, si direbbe, non dovevano essere poi così cattive, dal momento che era stato possibile effettuare i rilevamenti cronometrici con tanta precisione, quasi con pignoleria. Pertanto l'unica spiegazione a tanta trascuratezza è che uno sbarco appariva del tutto inutile, vista l'assoluta sterilità dell'arcipelago. Non era necessario l'atto formale di piantare la bandiera di Spagna, perché quelle isole sperdute nel gelo e nella nebbia non avrebbero mai potuto costituire una risorsa, bensì soltanto l'ennesimo pericolo per la navigazione, da aggiungere a quelli delle tempeste della nebbia e dei ghiacci galleggianti. No, non valeva la pena di sbarcare, con l'Atrevida - probabilmente - già messa a dura prova dai "cinquanta urlanti" e dai molti mesi di navigazione in mare aperto, senza mai entrare in porto o vedere una costa amica; con le velature incrostate di ghiaccio e con l'equipaggio esausto e demoralizzato. Ma occorreva riportare le isole con la massima cura possibile sulle carte nautiche, per evitare che qualche nave, in futuro, potesse rischiarvi il naufragio, complice la foschia o l'oscurità delle lunghe notti sub-antartiche Ciò che fu fatto con tempestività e competenza.
PRIME SMENTITE.-
Di fatto, però, le Auroras stavano per giocare una imprevedibile sorpresa ai naviganti dell'Atlantico meridionale: quella di diventare sempre più elusive e, alla fine, di scomparire per sempre. Dopo il viaggio di rilevamento della corvetta Atrevida, l'arcipelago fu visto ancora soltanto due volte, a metà e verso la fine del XIX secolo: poi, più nulla.
Il primo a rimanere beffato dalle Auroras fu, nel 1822-23, l'illustre navigatore polare James Weddell, inglese, che ha legato il proprio nome al rilievo delle Orcadi Australi e soprattutto alla gloria di essere per primo penetrato nell'ampia ingolfatura che porta ancor oggi il suo nome, il Mare di Weddell, spingendosi fino alla latitudine record di 74° e 15' Sud. Egli desiderava ritrovare le Auroras e migliorarne ulteriormente la conoscenza: era intrigato dalla scoperta dei marinai spagnoli e al tempo stesso nutriva delle perplessità su quanto da loro riferito. Weddell era uno dei più provati marinai di quei mari ostili, che contribuì non poco a svelare: la sua patria, disconoscente, non gli ha dedicato neppure un articolo della Encyclopaedia Britannica. (26) Ex ufficiale della marina da guerra, aveva la stoffa dello studioso (da lui prese il nome un particolare tipo di foca); trentaquattrenne, era passato al servizio di una ditta di Edimburgo che commerciava in grasso e olio di foca. Le navi dedite a quel tipo di caccia (ma sarebbe più esatto adoperare la parola sterminio) erano, quindi, progettate e costruite espressamente per la navigazione ai limiti del pack antartico, con scafi rinforzati e particolarmente robusti. Sfruttando la circostanza di un inverno australe eccezionalmente mite, il 18 febbraio col brigantino Jane e con il cutter Beaufoy si spinse più a Sud di chiunque altro prima di lui e battezzò quel vasto specchio d'acqua "Mare di Re Giorgio IV": sarà poi l'ammirazione dei posteri a rendergli quanto sfuggito alla sua modestia, ribattezzandolo col suo nome, nel 1900. (27)
Il desiderio di James Weddell di andare a fondo nella faccenda delle Isole Auroras andò, comunque, frustrato: per quanto incrociasse scrupolosamente nella posizione indicata dall'Atrevida, nulla gli apparve se non cielo e mare. Nessun indizio di terra, neanche bordeggiando pazientemente in lungo e in largo. Tuttavia volle esser certo di non trascurare alcuna possibilità e decise di tener conto di un largo margine di errore da parte di Bustamente: non era laggiù in veste di scienziato ma di cacciatore di foche e, poiché le coste dellle Isole Sandwich Australi erano già state quasi spopolate dai suoi spietati colleghi, desiderava con tutta l'anima trovare un lembo di terra che non fosse già stato battuto e ove i pinnipedi fossero, perciò, ancora numerosi. (28) Ma non ci fu nulla da fare: pareva che quelle isole, se pure erano reali, si fossero inabissate, portando seco il loro mistero. Ecco quanto scrisse malinconicamente nel suo diario di bordo, mentre volgeva definitivamente la prora del suo brigantino Jane, di 160 tonnellate, a Occidente, verso Port Stanley: "Dopo aver esplorato con diligenza tutta la zona in cui si supponeva dovessero trovarsi le Auroras, conclusi che gli scopritori dovevano essere stati tratti in inganno dalle apparenze; ho ritenuto perciò ogni ulteriore ricerca in questo tratto di mare un imprevidente spreco di tempo; e con soddisfazione dei miei ufficiali e marinai, ho fatto rotta verso le Isole Falkland." (29)
E tuttavia, forse il capitano inglese era stato mosso da altre ragioni, meno "ufficiali" e anche meno confessabili, per ostinarsi così tanto nella vana ricerca delle Auroras. Il loro nome, difatti, da alcuni anni era associato a quello di un tesoro scomparso; e questa diceria, o leggenda che fosse, ebbe un curioso influsso nella genesi di un capolavoro della letteratura in lingua inglese. Osserva in proposito lo scrittore Peter Haining: "Quanto ai marinai [del brigantino Jane ], esisteva forse una inconscia ragione per desiderare che le Auroras esistessero realmente a causa della leggenda secondo la quale un galeone spagnolo, il San Telmo, era naufragato sulle loro coste nel 1819, con un carico enorme d'oro e di argento. E' stata questa leggenda, più che il mistero delle Auroras, a ispirare Edgar Allan Poe quando scrisse il suo unico romanzo completo, Le avventure di Arthur Gordon Pym da Nantucket, nel 1838." (30)
LA CONTROVERSIA.-
Abbiamo detto che le Isole Auroras si lasciarono vedere ancora due volte, prima di uscire per sempre dalla storia delle navigazioni oceaniche; o, per meglio dire, due sono le ulteriori segnalazioni certe, che vennero avanzate con una certa dovizia di particolari e, si direbbe, in perfetta buona fede.
La prima viene effettuata, nel dicembre 1856, dalla nave Helen Baird. Sul libro di bordo qualcuno, probabilmente il comandante, ha vergato questa annotazione: "Alle quattro antimeridiane il capitano in seconda fu avvertito della presenza di icebergs dal lato sottovento; recatosi sul ponte, dichiarò che si trattava delle Auroras coperte di neve." (31) Parole un po' enigmatiche, che lasciano in dubbio su quel che effettivamente vide l'ufficiale in seconda; si deduce che le condizioni di visibilità non dovevano essere delle migliori. E dov'era il comandante? Quanto agli uomini dell'equipaggio, la loro impressione fu che si trattasse di cinque, e non tre, piccole isole: Risulta infatti che su alcune carte spagnole dell'epoca le Auroras sono riportate come un arcipelago formato da cinque isole. Ma l'interesse della Spagna per quei mari australi andava rapidamente scemando, dopo la perdita irreparabile del suo Impero coloniale nelle Americhe; e così le sue conoscenze di prima mano relative alla navigazione sulle rotte atlantiche.
La cartografia internazionale, comunque, cominciava a trovarsi in serio imbarazzo: il "comportamento" di quelle remote isolette tendeva a farsi semptre più strano. Alcuni atlanti le avevano accettate senz'altro nella categoria delle realtà certe. La Rivista Nautica britannica, ad esempio, agli inizi del XIX secolo aveva affermato che "il fatto che esistessero era tanto poco messo in dubbio quanto si poteva dubitare della stessa Australia." (32). Non tutti, però, condividevano questa sicurezza. Il mancato avvistamento da parte di James Weddell, nonostante le lunghe ricerche e la sua fama di esperto lupo di mare, aveva inferto un colpo durissimo alla credibilità della loro esistenza. Inoltre c'era la circostanza che dal 1794 al 1856, quindi in un'arco di tempo di ben sessant'anni, di fatto mancavano altri avvistamenti certi e documentati.
Passano altri trentasei anni: siamo arrivati così al 1892. Questa volta è la nave Gladys del capitano B. H. Hatfield che, navigando in quei paraggi, le avvista e ne riconosce la posizione con un notevole grado di accuratezza. Scrive infatti sul giornale di bordo: "26 giugno. Latitudine 52° 55' Sud, longitudine 49° 10' Ovest, viene avvistata terra dalla parte sottovento; si direbbe un'isola dalla forma allungata con due alture che si elevano sulla sua sommità, dividendo l'isola in tre parti in modo da farla sembrare come se fossero tre terre distinte Le colline non avevano traccia di neve. Alle otto antimeridiane scopriamo un'altra isola lontana circa dieci miglia… Sembra esistere la possibilità di un passaggio tra quest'ultima isola e l'altra più lunga." (33) C'è da rimanere sconcertati: dapprima le osservazioni del capitano Hatfield sembrano confermare i precedenti avvistamenti, chiarendo però che le Auroras non sono tre, ma si tratta di un'unica terra dal profilo dentellato; subito dopo, però, compare questa seconda isola che confonde tutto il quadro e getta un ulteriore elemento di perplessità, essendo del tutto in contrasto con quanto riferito da Bustamente. E poi, se distava dall'isola principale ben 10 miglia, perché mai avrebbero dovuto esservi difficoltà ad attraversare lo stretto fra le due? Quanto alle coordinate geografiche, rispetto a quelle fornite dal comandante dell'Atrevida si direbbe che, più o meno, ci siamo: vi è un errore di pochi primi di grado per la latitudine, e di circa due gradi di meridiano per la longitudine: un errore trascurabile e spiegabilissimo, data la strumentazione dell'epoca e le presumibili condizioni del mare, mai tranquillo verso i "cinquanta urlanti".
A questo punto finisce la storia delle Isole Auroras e comincia la leggenda: una di quelle che i marinai di un tempo si raccontavano nelle fumose taverne dei porti, nelle lunghe sere d'inverno, con un misto difficilmente separabile di credulità e scetticismo. Da quell'ultimo decennio dell'Ottocento, infatti, più nulla: il sipario scende sul misterioso arcipelago. Poco alla volta, ma inesorabilmente, le Isole Auroras scompaiono dalle pagine degli atlanti geografici e delle carte di navigazione dell'Oceano Atlantico meridionale.
IPOTESI E CONCLUSIONI.-

Il caso delle Auroras, per quanto affascinante, rientra in una ricca casistica di "isole fantasma", che sono apparse e scomparse, di quando in quando, su tutti i mari del globo, specialmente in quelli artici ed antartici. Solo per limitarci all'Atlantico meridionale, conosciamo il caso di almeno altre tre "isole fantasma": Saxemberg, L'Isola Grande e, infine, Bouvet: Le prime due si sono eclissate, come le Auroras; la terza, dopo un'alterna vicenda di smarrimenti e ritrovamenti, è "rimasta" definitivamente.
Vediamoli.
L'isola Saxemberg fu scoperta nel 1670 da un navigatore olandese, Lindeman, circa 600 miglia a nord-ovest di Tristan da Cunha; non più rivista per oltre centotrenta anni, fu di nuovo segnalata da due velieri statunitensi ai primi del IX secolo: il Fanny nel 1804 e il Columbus nel 1809; poi, ancora, dalla nave inglese True Briton il cui comandante, Head, ne confermò sia la posizione che le caratteristiche topografiche (un'alta montagna posta al centro di essa); dopo di che scomparve per sempre. (34) La cosiddetta Isola Grande venne scoperta nel 1675, circa 1500 chilometri a sud-est dalla foce del Rìo de la Plata (e quindi quasi a metà strada fra questa e le Auroras), da Antonio de La Roche, colui che è ricordato come lo scopritore della Georgia Australe; ma anche di questa terra non si è mai più saputo nulla. (35) Quanto a Bouvet, la storia dei suoi avvistamenti costituisce un vero e proprio rompicapo. Scoperta dall'omonimo navigatore francese nel 1739, ritrovata da una spedizione inglese nel 1808, fu protagonista di un'incredibile altalena di conferme e smentite sino al 1898, quando la nave tedesca Valdivia ne determinò scientificamente la posizione. I Norvegesi (interessati a quelle acque per via della caccia alle balene) vi effettuarono uno sbarco nel 1926, e nel 1928 la dichiararono sotto la loro sovranità.(36) Problematica, invece, resta l'esistenza di una piccola isola vicina alla Bouvet, chiamata isola Thompson dal capitano inglese G. Norris nel 1825. (37)
E veniamo ai tentativi di spiegazione del "fenomeno Auroras", valutando, per ciascuno di essi, gli elementi a favore e quelli contrari.
1) Errore di rilevamento.- E' la più semplice, la più naturale delle spiegazioni. Il mare agitato, le nebbie, la strumentazione difettosa, il poco tempo a disposizione possono aver falsato, e di molto, il rilevamento delle coordinate geografiche, specie al tempo della navigazione a vela. Senonchè, resta il problema di dove "spostare" le isole viste e identificate come le Auroras. In quali altre isole realmente esistenti bisogna identificarle? Qui s'incontrano delle gravi difficoltà. Gli unici possibili "candidati", per un raggio di centinaia di chilometri, sono gli Shag Rocks, i cosiddetti Scogli Shag: troppo piccoli e troppo spostati verso Est. Si ricordi che Hatfield aveva riconosciuto un'unica isola; e una seconda, più piccola, alla distanza di dieci miglia. D'altra parte, come è possibile scambiare dei semplici scogli per delle vere isole, attraversate da colline parzialmente coperte di neve? (38)
2) Confusione con degli icebergs.- Anche questa è una spiegazione semplice e quasi ovvia, data la latitudine interessata. Vi si oppongono però due considerazioni assolutamente risolutive. La prima è che il diario di bordo del capitano Hatfield, del Gladys, afferma che le colline, in quel caso, non mostravano traccia di neve (e, quindi, a maggior ragione, di ghiaccio). La seconda è che gli icebergs non restano certo "ancorati" negli stessi luoghi, ma, ovviamente, si spostano con notevole rapidità, trascinati dalle correnti (39). Ora, almeno due relazioni, quella dell'Atrevida e quella del Gladys (vergate, si badi, a novantotto anni di distanza l'una dall'altra) localizzano le Auroras nella medesima posizione. Possiamo immaginare un gruppo di icebergs che se ne rimane fermo per quasi un secolo?
3) Un miraggio.- In particolari condizioni atmosferiche (si pensi allo spettacolo clamoroso delle Aurore polari) è possibilevedere cose che non esistono. Il riflesso del cielo, delle nuvole può ingannare la vista, mostrando all'orizzonte marino terre inesistenti. Strana, però, molto strana la circostanza che diverse navi, in tempi diversi, siano state vittime dello stesso miraggio, nel medesimo luogo. (Su questa ipotesi, vedi anche la nota 25 del presente articolo).
4) Frode volontaria.- E' esclusa. Non si tratta di vaghi racconti di balenieri, come nel caso dell'isola Dougherty o di altre pretese isolette all'estremità meridionale del Pacifico. (40) Abbiamo invece a che fare con le relazioni di autorevoli comandanti di diverse marine, sia da guerra che commerciali, e con un resoconto ufficiale della Società Idrografica spagnola. La bona fides degli interessati è del tutto fuori discussione.

5) Suggestione mitologica.- Il mito dei paesi leggendari, diceva Thévenin, è antico quanto l'uomo, poiché creato, inconsciamente, dalle sue stesse aspettative. Ed è noto che Carl Gustav Jung ha formulato una teoria analoga per spiegare i sempre più numerosi avvistamenti di Oggetti Volanti Non Identificati (U.F.O.) avvenuti nella seconda metà del XX secolo (ma in realtà, antichissimi anch'essi), fenomeno, a suo dire, legato ai materiali archetipici esistenti nell'Inconscio Collettivo (41). Senonchè, se questa interpretazione può ammettersi per paesi vasti e attraenti, come la Terra Australis Incognita, ben difficile è applicarla al nostro caso. Le Auroras, di attraente, non avevano che il nome: erano un luogo unanimemente descritto come desolato e inospitale. Inoltre, qui non ci troviamo in presenza di vaghe tradizioni orali, ma di una serie di avvistamenti e ricognizioni puntuali e, queste ultrime, ben documentate, alcune delle quali vennero condotte con criteri rigorosamente scientifici e da personale di marina altamente qualificato. Anche questa spiegazione, dunque, appare senz'altro insostenibile.
6) Inabissamento di isole vulcaniche.- La letteratura scientifica documenta non pochi casi del genere: Per la cosiddetta Isola Giulia o Ferdinandea, emersa nel centro del Mediterraneo nel 1832, e che diede addirittura origine a una disputa diplomatica fra la Gran Bretagna (già in possesso di Malta) ed il Regno di Napoli, prima di inabissarsi lasciando a bocca aperta i due contendenti. (42) Più spettacolare ancora il caso dell'isola polinesiana di Falcon, nell'arcipelago delle Tonga. Scrive l'Almagià: "Sorta nel 1877-78 sul luogo ove era prima un banco sottomarino, elevatasi fino a 75 m. sul mare, poi distrutta interamente dall'erosione marina (1898); riformatasi nuovamente qualche anno dopo, scomparsa ancora nel 1913 e risorta nel 1927, in seguito ad una violenta eruzione, sotto forma di un cono alto 110 m. con cratere, oggi di nuovo [1961, nostra nota ] attaccato con violenza dai flutti." (43) Un caso ancor più recente, e documentato dal vivo da scienziati e fotografi di ogni parte del mondo, è poi quello dell'Isola Surtsey, emersa mediante un'eruzione vulcanica sottomarina, 33 chilometri al largo della costa meridionale dell'Islanda, nel 1963. Oggi l'isola è pienamente consolidata e la vegetazione pioniera ne ha già rivestito le pendici, a pochi anni dal raffreddamento della lava incandescente. (44) Può essere stato, questo, anche il caso delle Isole Auroras? Una serie di eruzioni vulcaniche potrebbero averle spinte su dal fondale marino, per poi farle riemergere mano a mano che i marosi le assalivano con estrema violenza, sgretolandole, in una lotta titanica fra gli elementi della natura che ricorda i giorni della creazione del mondo- lotta in cui la vittoria rimase, alfine, al regno di Poseidone? Stando ai rilevamenti sottomarini effettuati col radioscandaglio, è accertata l'esistenza di una dorsale sottomarina, di origine vulcanica, che collega la piattaforma continentale sud-americana (su cui giacciono le Isole Falkland) con la Georgia Australe ed oltre, passando per gli Scogli Shag. Essa costituisce, in effetti, la catena sottomarina principale collegante la Terra del Fuoco con la Penisola Antartica e descrive un vasto arco rivolto ad Est dello Stretto di Drake (la "via" pù breve fra Sud America e Antartide, ma non quella seguita dall'orografia sottomarina), con la convessità rivolta all'esterno, e pertiene alla grande "Cintura di Fuoco dell'Oceano Pacifico", il maggiore sistema vulcanico dell'intero pianeta terrestre. Le Isole Auroras avrebbero dovuto trovarsi esattamente sull'allineamento Isole Falkland-Georgia Australe- Sanwich Australi-Orcadi Australi-Shetland Australi. Una regione tettonicamente giovane, instabile, soggetta a fenomeni geologici d'imprevedibile portata. E' questo, dunque, il segreto delle Isole Auroras? Furono create e distrutte alternativamente dalle forze endogene del Pianeta? E, in tal caso, possiamo aspettarci che un giorno o l'altro, chissà quando, riemergeranno d'improvviso, così come improvvisamente si sono inabissate, sottraendosi allo sguardo degli uomini? Certo, la spiegazione del sollevamento vulcanico sottomarino è, al momento, non diciamo la più probabile, ma la meno inverosimile. Di qui a suggerire che possa rispondere a tutti gli interrogativi rimasti in sospeso, però, la distanza è ancora grande. I misteri della natura, contrariamente a quanto la vulgata scientista e ultrapositivista pretenderebbe, sono ancora ben lungi dall'essere stati chiariti in modo soddisfacente; o almeno buona parte di essi. La strada dell'umana conoscenza è ancora lunga e richiede umiltà e pazienza infinite. Forse, alle generazioni che verranno, la nostra hybris, o smisurato orgoglio, di voler capire tutto e subito, di voler dominare ogni cosa, apparirà simile a una smania di bambini volubili e impazienti (45): una lente deformante che s'interpone, invisibile ma fatale, tra il nostro essere (che non è fatto di sola percezione sensoriale o di sola ragione strumentale) e l'intima realtà del tutto.

 

condividi questo articolo

Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.
forse t'interessa anche.....
cerca
Anime e manga streaming
l'angolo del folle