Rituali massonici: istruzioni per il grado di apprendista

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Categoria: Massoneria
Visite: 5582

 

 

massoneria

 

L'apprendista nel tempio non ha diritto di parola

Età : Tre anni.

Ora di apertura : Mezzogiorno in punto.

Ora di chiusura : Mezzanotte in punto.

Batteria : * * *
Battere sempre le dita della mano destra sul palmo della mano sinistra dall'alto verso il basso.

Batteria di giubilo : * * * * * * * * * Come la batteria semplice, ripetuta tre volte.con colpi brevi e secchi

Batteria funebre : * * * * * * * * *
A braccia conserte destro sul sinistro. battere contemporaneamente le palme delle mani sulla parte superiore delle braccia.

Parola Sacra : B . . Z.

Parola di Passo : Nessuna.

Parola Semestrale : Gli viene comunicata nel Tempio in forma rituale.

Ordine: Stando in piedi. portare a piatto la mano destra sotto la gola. le quattro dita unite, il pollice distaccato a norma di squadra appoggiato sulla iugulare destra e il braccio teso orizzontalmente.
Braccio sinistro. mano con pollice a squadra. pendente lungo i1 fianco. Piedi a squadra. a 90°.

Segno: Stando all'Ordine ritirare la mano destra orizzontalmente facendola cadere ungo il fianco.

Passi : Stando all'Ordine porsi tra le colonne e fare, partendo con il piede sinistro, tre passi in linea retta. ricongiungendo a ciascun passo i piedi a squadra, senza battere i tacchi.

Toccamento : Destra con destra. tre leggere pressioni esercitate con il pollice sulla prima falange dell'indice dei Fratello.

ORDINE DEI LAVORI

1) 1) Istruzioni del Grado: un ora prima dell'apertura rituale dei lavori è compito precipuo dei Sorveglianti impartire in locale adatto le istruzioni ai fratelli: 2° Sorvegliante agli Apprendisti. 1° Sorvegliante ai Compagni ed ai neo Maestri.Firma del registro delle presenze. (posto fuori dal Tempio) e giustificazione delle assenze.
2) 2) Attesa ordinata nella Sala dei Passi Perduti. ove i Fratelli vengono "allineati" dal l' Esperto.
3) 3) Entrata nel Tempio del Maestro delle Cerimonie per il compimento di quanto gli compete (accensione dei Testimone con il Fuoco portogli dal Maestro Venerabile: combustione dell'incenso é avvio della musica di ingresso).
4) 4) Ingresso rituale.
5) 5) Apertura dei Lavori.
6) 6) Lettura della Tavola Architettonica tracciata nella precedente
7) 7) Tornata.
8) 8) Collocazione o tracciamento del "Quadro di Loggia".
9) 9) Ricevimento dei Fratelli visitatori. (Se non sono entrati con i Fratelli di Loggia).
10) 10) Svolgimento dell'ordine del giorno.
11) 11) Ricreazione ripresa dei Lavori.
12) 12) Esame delle domande di iniziazione, di affiliazione ecc. ed eventuali votazioni.
13) 13) Chiusura dei Lavori.
14) 14) Maestro delle Cerimonie dopo aver spento le Tre Luci, toglie (o distrugge) il "Quadro di Loggia".
15) 15) Uscita rituale dal Tempio, con eventuale supporto musicale.

INGRESS0 RITUALE NEL TEMPIO

Il Maestro delle Cerimonie ponendosi alla testa dei corteo dei Fratelli li conduce nel Tempio deambulando in senso ORARIO facendo loro compiere un giro passando da Settentrione ad Oriente. indi a Meridione. infine ad Occidente.
Seguono il Maestro delle Cerimonie - nell'ordine: gli Apprendisti, i Compagni. i Maestri. gli Ufficiali (preceduti dal 1' e 2' Diacono), i Dignitari (Tesoriere, Segretario. Oratore) l'ex Maestro Venerabile e le Tre Luci (2' Sorvegliante. I° Sorvegliante e Maestro Venerabile).
Compiuto un giro prendono posto nella Colonna di Settentrione gli Apprendisti, poi nella Colonna di Meridione i Compagni, quindi nelle due Colonne, in modo che risultino equilibrate per numero di Fratelli. i Maestri. infine gli Ufficiali e i Dignitari. Tutti i Fratelli restano in piedi non all'ordine fino a che il Maestro Venerabile. raggiunto il suo Posto dice: "Fratelli. sedete".
L'ingresso viene effettuato facendo la "squadratura" del Tempio che consiste nel procedere ritmicamente, in linea retta secondo i lati del Tempio. con conversione a squadra in due tempi in, corrispondenza degli angoli.
Durante i lavori i Fratelli chiamati a muoversi nel Tempio per l'adempimento delle loro funzioni deambulano in senso ANTIORARIO.
Il Fratello che viene fatto entrare nel Tempio prima che sia stato posto il Quadro di Loggia, compie la squadratura. guidato dal Maestro delle Cerimonie.
Se invece entra dopo. lo farà con i passi rituali.
Durante i Lavori. il Maestro Venerabile, il 1° ed i1 2° Sorvegliante non lasceranno
mai il Maglietto che terranno sempre sul. cuore. Il Fratello Copritore Interno impugna
la spada con la mano sinistra.
1 Fratelli durante i Lavori siedono senza rigidità muscolare, in posizione eretta, con le palme delle mani appoggiate sulle cosce ed i piedi leggermente distanziati e paralleli (posizione detta del Faraone).
Il Fratello Maestro delle Cerimonie impugna l'Asta (di 144cm.) con le due mani: con la sinistra poco al di sotto del centro e la destra poco al di sopra. Solo nella marcia di uscita la posizione delle mani è invertita.
I Diaconi impugnano l'Asta (di 72 cm.) con la mano sinistra. tenendola verticalmente appoggiata alla coscia sinistra.
Quando i Frateìli sono chiamati a giurare il "Segreto sui Lavori compiuti", eseguono stendendo il braccio sinistro in avanti. verso il Quadro di Loggia. stando nella posizione all'Ordine e pronunciando a chiara voce : "Lo giuro''.


APERTURA DEI LAVORI


I1 Tempio è in penombra
La colonnina (ordine dorico) del Maestro Venerabile è alzata e così resta per tutta la durata dei Lavori: quella del 1' Sorvegliante (ordine ionico) è abbassata; quella del 2' Sorvegliante (ordine corinzio) alzata.
Dopo l'ingresso rituale nel Tempio e prima di invitare i Fratelli a sedere, il Maestro Venerabile indossa il collare della dignità. imitato all'unisono da tutti gli altri Dignitari ed Ufficiali di Loggia.
Lui solo si copre il capo. quindi dice: "Fratelli sedete".
Cessata la musica e nel silenzio più assoluto - rimanendo seduto - con la mano destra prende il maglietto contemporaneamente al 1° ed al 2° Sorvegliante e appoggiandolo al cuore dice:

* * * * *

M. Ven. - Fratelli assistetemi ad aprire i lavori.
- Fratello 1° Sorvegliante. quale è il primo dovere di un sorvegliante in Loggia

1° Sorv. - Il primo dovere è quello di assicurarsi che il Tempio sia debitamente coperto.

M. Veri. - Assicuratevene, Fratello mio.

1° Sorv. - Fratello Copritore Interno, fate il vostro dovere.

* * * * *

Il Copritore Interno, spada in pugno, batte tre colpi sulla porta. ai quali risponde, con ugual numero di colpi il Copritore Esterno. In mancanza del Copritore Esterno, Il Copritore Interno, assicuratosi che non vi siano altri Fratelli nella Sala dei Passi Perduti. chiude la porta del Tempio e depone la chiave sul Tavolo del 1° Sorvegliante. Nelle tornate in cui si celebrano delle iniziazióni, la chiave viene data' in custodia al 2° Sorvegliante.

* * * * *

Copr. Int. - Fratello 1° Sorvegliante il Tempio è debitamente coperto.

1° Sorv. - Maestro Venerabile, il Tempio è debitamente coperto.

M. Ven. - Fratello 1° Sorvegliante, qual'è il secondo dovere dei Sorveglianti in Loggia ?

1° Sorv. - E' quello di assicurarsi che tutti i presenti siano Fratelli Liberi Muratori.

M. Ven. - Assicuratevene. Fratelli 1° e 2° Sorvegliante

1° Sorv. - Fratelli, in piedi.

* * * * *

I Fratelli delle Colonne si alzano volgendo il capo all'Oriente e si pongono all'Ordine e di mano in mano che i Sorveglianti. percorrendo le proprie Colonne in senso antiorario. si soffermano davanti a loro che danno il Segno. I Sorveglianti riprendono infine i loro posti. restando in piedi.

2° Sorv. - Fratello 1° Sorvegliante, tutti coloro che compongono la Colonna di Settentrione
sono Liberi Muratori.

1°Sorv. - Maestro Venerabile, dai segni che danno, riconosco tutti coloro che compongono le
due Colonne Liberi Muratori.

* * * * *

Il Maestro Venerabile si alza e con lui i Fratelli che siedono all'Oriente, mettendosi all' Ordine.

* * * * *

M; Ven. - Per coloro che siedono all'Oriente, rispondo io. - (Batte un colpo di Maglietto).



M. Ven. - Fratelli tutti, sedete. - Fratello 2° Sorvegliante, qual'è il dovere del Copritore
Esterno.

2° Sorv. - Allontanare i profani e partecipare alla preparazione dei candidati.

M. Ven. - Fratello 1° Sorvegliante, qual'è il dovere del Copritore Interno ?

1° Sorv. - Ammettere i Liberi Muratori, ricevere i candidati e obbedire agli ordini del Maestro
Venerabile, del 1° e del 2° Sorvegliante

M. Vena - Fratello 1° Sorvegliante, qual'è il dovere del 2° Diacono ?

1° Sv. - Stare alla destra del 1° Sorvegliante e portare gli ordini del Maestro Venerabile dal
1° al 2° Sorvegliante.

M. Ven. - Fratello 1° Sorvegliante, qual'è il dovere del 1° Diacono ?

1° Sorv. - Stare alla destra del Maestro Venerabile, portare i suoi ordini al 1° Sorvegliante e
agli altri Dignitari e Ufficiali, qualora occorra: attendere i messaggi del 2° Diacono.

M. Ven. - Fratello 2° Sorvegliante, qual'è il vostro dovere?

2° Sorv. - Stando a Meridione, osservare il Sole al suo meridiano, chiamare i Fratelli dal
lavoro alla ricreazione e dalla ricreazione al Lavoro

M. Ven. - Fratello 1° Sorvegliante, qual'è il vostro dovere?

1° Sorv. - Stando all'Occidente, osservare il corso del Sole e chiudere il Tempio secondo.
l'ordine del Maestro Venerabile, dopo aver accertato che ogni Operaio
abbia avuto ciò che gli è dovuto.

M. Ven. - Fratello 1° Sorvegliante, perché il Maestro Venerabile siede all'Oriente ?


1° Sorv. - Come il Sole, apparendo ad Oriente per dare inizio al giorno, illumina la Terra, così
il Maestro Venerabile, sedendo all'Oriente per dirigere i Lavori, istruisce i Fratelli
con i1 Lume della propria Scienza Muratoria.

M. Ven. - Fratello 1° Sorvegliante, a che ora gli Apprendisti Liberi Muratori hanno
consuetudine di aprire i Lavori ?

1° Sorv. - A mezzogiorno, Maestro Venerabile.

M. Ve n. - Fratello 2° Sorvegliante, che ora è ?

2° Sorv. - Mezzogiorno in punto.

M., Ven. - Fratello 1° Sorvegliante, qual'è 1a vostra età muratoria in Grado di Apprendista

1° Sorv. - Tre anni.

M. Ven. - Fratello 1° Sorvegliante a quale scopo ci riuniamo?
1° Sorv. - Per edificare Templi alla Virtù, scavare oscure e profonde prigioni al Vizio e
lavorare al bene e al progresso dell'Umanità.

M. Ven. - (Batte un colpo di Maglietto) - Fratelli, in piedi all'Ordine.

* * * * *

Il Maestro Venerabile batte un colpo di Maglietto e si alza assieme ai Fratelli ai quali ha ordinato di stare all’ordine.
Il Maestro delle Cerimonie si reca dal 1' Sorvegliante e lo accompagna precedendolo all'Altare.
Il l' Sorvegliante, giunto all'Altare, apre il libro della Legge Sacra alla pagina del Vangelo di San Giovanni e vi sovrappone il Compasso e la Squadra, quindi si gira per tornare al suo posto, sempre preceduto dal Maestro delle Cerimonie.
Accompagnato il 1* Sorvegliante, il Maestro delle Cerimonie ritorna al proprio posto.

* * * * *

M. Ven. - Fratelli sedete. - (Batte un colpo di Maglietto)

(PAUSA)
- Fratelli 1° e 2° Sorveglianti, giacchè in grazia dell'ora e dell'età è ormai tempo di
aprire i nostri Architettonici Lavori, avvertite i Fratelli delle vostre Colonne che,
nel corso dei medesimi, non è più permesso ad alcuno di passare dall'una all'altra
Colonna e di intrattenersi in questioni di politica e di religione. Non è inoltre
permesso ad alcuno di coprire i1 Tempio senza che ciò gli venga consentito.
Tutto, in questo Tempio, deve essere serenità, senno, benefizio e giubilo.


1.° Sorv. - Fratelli della Colonna del Meridione, giacché in grazia dell'ora e dell'età è tempo di
aprire i nostri ..~~hitettonici Lavori, vi avverto che, nel corso dei medesimi, non più
permesso ad alcuno di passare dall'una all'altra Colonna e di intrattenersi in
questioni di politica e di religione. Non è inoltre permessa ad alcuno di coprire il
Tempio senza che ciò gli venga consentito. Tutto in questo Tempio, deve essere
serenità, senno, benefizio e giubilo.


2° Sorv. - Fratelli della Colonna del Settentrione, giacché in grazia dell'ora e dell'età è tempo
di aprire i nostri Architettonici Lavori, vi avverto che, nel corso dei medesimi, non
è più permesso ad *alcuno di passare dall'una all'altra Colonna e di intrattenersi in
questioni di. politica e di religione. Non è inotre permesso ad alcuno di coprire il
Tempio senza che ciò gli venga consentito. Tutto in questo Tempio, deve essere
serenità, senno, benefizio e Giubilo.


M. Ven. . - (Batte un colpo di Maglietto) - Fratelli in piedi all'Ordine.

(PAUSA)
- Alla Gloria del Grande Architetto dell’Universo in nome della Massoneria
Universale, sotto gli auspici del Grande Oriente Scozzese d'Italia - Comunione
di Piazza del Gesù, per i poteri a me conferiti. dichiaro aperti i Lavori in Grado
d’Apprendista di questa Rispettabile Loggia N° ………. all'Ori.ente. di ……..
………………………………………..Valle del ……………………………….
- (Batte tre colpi di Maglietto)
- -
1° Sorv. - (Batte tre colpi di Maglietto e alza la colonnina)


2° Sorv. - (Batte tre colpi di Maglietto e abbassa la Colonnina)

* * * * *
Il Maestro Venerabile. il 1' e il 2' Sorvegliante scendono dai loro Scanni - e si avvicinano ai candelabri posti al centro del Tempio - il Maestro delle Cerimonie porge la fiamma (ossia un candelino acceso dalla fiamma del Testimone) al Maestro Venerabile che accende la prima torcia dicendo:
Che la Sapienza illumini il nostro Lavoro

Il Maestro Venerabile passa la fiamma al 1° Sorvegliante che accende la seconda torcia dicendo:
Che la forza lo renda saldo.

Il 1° Sorvegliante passa la fiamma al 2° Sorvegliante. che accende la terza torcia. dicendo:
Che la bellezza lo irradi e lo compia.

L’Ex Venerabile conclude (O in assenza dell'ex Venerabile l'Oratore)
Per il bene dell'Umanità e alla Gloria del Grande Architetto dell'Universo.

A questo punto il Maestro delle Cerimonie spegne il Candelino e procede alla completa accensione del!e luci del Tempio che in precedenza, come annotato, era in penombra.
ll Maestro Veneratile e i Sorveglianti riprendono i loro posti.

* * * * *
M. Ven. - A me Fratelli per il Segno e per la Batteria ( ° ° ° ). Fratelli sedete.
(Batte un colpo di Maglietto)
- Fratello Segretario, vi prego di leggere la Tavola Architettonica tracciata nella
precedente Tornata.

* * * * *
Il Segretario legge la Tavola dei lavori precedenti. disegnata sul registro regolare.
L'atto della redazione comincia:
A.G.D.G.A.D.U. In nome di San Giovanni di Scozia e sotto gli auspici della Serenissima Gran Loggia Nazionale del GRANDE ORIENTE SCOZZESE D'ITALIA Comunione di Piazza del Gesù" oggi (e qui si metta la data massonica e La volgare) La R.L. ……………….. sotto il titolo distintivo di all'Or. di si è regolarmente riunita per convocazione ordinaria (o straordinaria) sotto il punto geometrico noto ai soli figli della Vedova
(qui si dirà il nome dei Dignitari e degli Ufficiali titolari presenti e quello dei supplenti.
nonché quello di tutti i fratelli intervenuti all'assemblea).
Indi: il Venerabile. dopo aver provveduto alla sicurezza del Tempio, apre i lavori in Grado di . . . . . . . .
Qui l’esposizione articolata dei lavori. Si comincia col menzionare la lettura fatta della tavola degli ultimi lavori e l'approvazione della Loggia, dietro le conclusioni dell'Oratore.
Quindi si parla delle ricerche fatte dall'Esperto nella via smarrita, dei visitatori ritrovati, delle precauzioni prese per verificare le loro qualità massoniche e degli onori ad essi impartiti. Seguono i lavori di ricezione se ve ne furono. circolazione del sacco delle proposizioni, risultati, discussioni, scrutini: tronco della Vedova, mozioni intorno al bene generale dell'Ordine Massonico e della Loggia in particolare, appello ai Fratelli. menzione dei mancanti
senza giusta causa, catechismo, ecc. Sempreché si trascriva una deliberazione, il periodo
finisce così:
Deliberato in Loggia sedente alla unanimità (o maggioranza) di voti in questo giorno in pieno meriggio. La Tavola termina con quest'ultimo periodo: il Venerabile. Pagati e rinviati contenti gli operai, previe le invocazioni e batterie usitate. ha chiuso i lavori a mezzanotte piena.
La Tavola. udite le conclusioni dell'Oratore e con la sanzione della Loggia è sottoscritta dalle tre Luci, dall'Oratore medesimo e dal Segretario, ovvero da quei Fratelli che si trovino ad esercitare le funzioni interine di tali cariche.

Il Segretario legge stando in piedi, salvo contraria disposizione.

Al termine:

M. Veri. - Fratelli 1° e 2° sorveglianti, avvertite i Fratelli delle vostre Colonne che, se non
trovassero il tenore della Tavola in conformità col disegno tracciato nella
precedente Tornata o se avessero osservazioni da fare, 1a parola è concessa.

1° Sorv. - Fratelli della colonna del Meridione, se qualcuno non trovasse il tenore della Tavola
in conformità col disegno tracciato nella precedente Tornata o avesse osservazioni
da fare può chiedere la parola.


2° Sorv. - Fratelli della Colonna di Settentrione, se qualcuno non trovasse il tenore della
Tavola in conformità col disegno tracciato nella precedente Tornata o avesse
osservazioni da fare può chiedere la parola.


RICHIESTA DI PAROLA

La parola può essere richiesta solo nei momenti in cui il Maestro Venerabile ha annunciato che i Fratelli possono richiederla. Viene effettuata la richiesta alzando la mano sinistra aperta con le quattro dita unite e il pollice a squadra. palmo in avanti all'altezza della spalla.
Durante i lavori in grado di. Apprendista i Fratelli che siedono nella Colonna di Meridione fanno richiesta al I' Sorvegliante, quelli della colonna di Settentrione ai 2' Sorvegliante; i Sorveglianti con un leggero inchino della testa fan capire al Fratello che hanno preso atto della richiesta. ed al momento opportuno comunicano (battendo un colpo di maglietto) la richiesta avanzata. al Maestro Venerabile, il quale risponde direttamente all'interessato. I Sorveglianti, l'Oratore ed il Segretario richiedono la parola direttamente al Maestro Venerabile così come fanno tutti i Fratelli che siedono all'Oriente.
Durante lo svolgimento dei Lavori in Grado di Compagno si osservano identiche modalità mentre quando la Loggia lavora in terzo Grado i Fratelli Maestri tutti chiedono la parola direttamente . al.. Venerabilissimo.
Terminate le eventuali osservazioni e dopo che il Segretario ha preso nota delle correzioni da citare nella Tavola Architettonica della Tornata in corso, quando nessuno più chiede la parola:

2° Sorv. - Fratello 1° Sorvegliante, la mia Colonna tace.

1° Sorv. - Maestro Venerabile, le Colonne tacciono.

M. Ven. - Fratello Oratore, vi prego di darci le vostre conclusioni.

Orat. - Propongo che la Tavola Architettonica venga posta ai voti per l'approvazione.



M. Ven. - I Fratelli che approvano la Tavola Architettonica alzino la mano al colpo del mio
Maglietto.

Batte un colpo di Maglietto

I Fratelli votano alzando la mano sinistra e facendola ricadere a piatto sulla coscia.

M. Ven. - Fratello Segretario annotate che la tavola è approvata all'unanimità (oppure a
maggioranza).

Il Maestro delle Cerimonie porta al Maestro Venerabile e successivamente all'Oratore la Tavola per la firma; poi la riconsegna al Segretario che vi appone la propria.

Il Maestro delle Cerimonie depone o traccia al centro del Tempio. fra i tre candelabri. il Quadro di Loggia, premendo con la punta dell'Asta, il centro del Quadro stesso.

M: Ven. - Fratello Maestro delle Cerimonie, osservate se nella Sala dei Passi Perduti vi sia
qualche Fratello che chiede di entrare e introducetolo nella debita forma.

Il Maestro delle Cerimonie nel caso non vi fosse nessun Fratello annuncerà direttamente

M.d.Cer. - Maestro Venerabile, nessun Fratello è alla porta del Tempio.

Il Maestro delle Cerimonie. se vi fossero Fratelli alla Porta del Tempio. ne annuncerà i nomi e le qualifiche massoniche, introducendoli uno alla volta (in ordine gerarchico a partire da Apprendista L.M.).
Ad ognuno, prima di essere ammesso. il Maestro Venerabile può rivolgere queste ed eventuali altre domande, come a suo giudizio gli detteranno saggezza e prudenza.

M. Ven. - Fratello mio, da dove venite ?

Risp. Fr. - Dalla Loggia di San Giovanni di Scozia N° ... dal titolo distintivo all'Oriente
di

M. Ven. - Che cosa Portate ?

Risp. Fr. - Sottomissione al Maestro Venerabile, salute e prosperità a tutti i Fratelli.

M. Ven. - Che cosa venite a fare ?

Risp. Fr. - A vincere le mie passioni, sottomettere la mia volontà e a fare nuovi progressi nella
Massoneria Universale.

M. Ven. - Rivestite qualche carica nella vostra Officina ?

Risp. Fr. - Sì (o no), Maestro Venerabile.

M. Ven. - Che cosa domandate, Fratello mio ?


Risp. Fr. - Un posto tra Voi.

M. V en. - Esso vi è accordato: andate dunque ad occupare il posto che vi sarà indicato dal
Maestro delle Cerimonie.

Indi la Loggia passa allo svolgimento dei Lavori posti all'Ordine dei Giorno.

condividi questo articolo

Prego registrarsi o autenticarsi per aggiungere un commento a questo articolo.